domenica 25 settembre 2016

Usciamo a catturare le lucciole? di Vincenzo Politano

Buona sera cari lettori,
questa sera vi parlo di un racconto breve ma intenso uscito il 6 settembre ed edito gratuitamente Derivati Sanniti. L'autore è Vincenzo Politano un giovane scrittore in erba ma con un grande e forte talento.

Vediamo i dettagli di questo racconto!



Autore: Vincenzo Politano
Editore: Derivati Sanniti
Pagine: 3

Sinossi:

"Usciamo a catturare le lucciole?" è un racconto breve che nasce con il buio e l'insonnia.
Scritto d'impulso in due notti milanesi, il testo mette nero su bianco una serie di quadri che denudano la protagonista. Le sue illusioni, riga dopo riga si sgualciscono.
È il racconto di una storia d'amore malato. Una storia proibita, quella tra due amanti. Passione e dolore si mescolano in una danza frenetica, fino a creare un orgia di immagini vivide che prendono corpo a fine testo. I quadri si susseguono a velocità crescente, immergendo il lettore in un mondo onirico.
I colori di questo racconto sono il blu notte e il rosso. I sapori? L'aroma pungente del rum e la freschezza della mela.


Recensione:

Premetto due cose: generalmente non leggo racconti brevi perché non mi lasciano il tempo di entrare nella storia che già si è conclusa e in genere mi lasciano l'amaro in bocca. Seconda cosa questo racconto è intenso ma molto molto complesso.

Siamo immersi nel mondo onirico di una giovane donna che vive un amore malato, lei in questa storia è l'altra, l'amante, ciò che nessuna donna vorrebbe essere per l'uomo che ama ma che si sacrifica ad essere pur di avere anche solo una briciola d'amore.
E' un racconto che evoca una serie di immagini, di profumi, di colori: due dominanti il blu notte e il rosso.
La complessità è dovuta anche al fatto che l'ambientazione cambia spesso e a un ritmo davvero veloce.
Va letto con calma e razionalità, ho avuto bisogno di leggerlo più di una volta per riuscire ad apprezzarne la profondità ma una volta recepita mi è rimasta sulla pelle.
Il racconto non ha esattamente un filo logico, ricordate che state leggendo un sogno vissuto - ho usato questa parola di proposito perché non è semplicemente raccontato.

Insomma, non posso fare una recensione precisa perché rischierei di dirvi troppo e vi rovinerei il piacere di leggerlo.
E' un racconto intenso e particolare, vale davvero davvero la pena di leggerlo.

L'autore: Vincenzo Politano

Vincenzo Politano nasce a Benevento nell’Aprile del 1995. Fin da piccolo mostra un grande interesse per la scrittura ed il teatro. Trascorre la sua adolescenza immerso nei suoni e nei colori dei paesaggi sanniti, elementi fortemente ispiranti per la sua creatività. Dal 2010 al 2014 studia presso il Liceo scientifico “Virgilio”, periodo in cui approfondisce la sua passione per il linguaggio teatrale. A settembre 2014 si trasferisce a Milano, dove attualmente studia Comunicazione Interculturale all’Università Bicocca. A Giugno 2014 vince il concorso di scrittura “i Borghi e le storie del Sannio” con un racconto breve intitolato “Bambolina”. Attualmente fa parte della associazione teatrale milanese “Kerkis – teatro antico in scena”, che gli permette di sperimentare nuovi linguaggi espressivi e attoriali.


I miei giudizi:

STORIA: ★★★★/5
STILE: ★★★/5
COPERTINA: ★★★/5

Voto finale:

★★★ e mezzo/5

Alla prossima,
Erika.

Nessun commento:

Posta un commento